Segnaletica Stradale: Corsi di formazione per attività in presenza di traffico veicolare

Con Decreto interministeriale 22 gennaio 2019 il Ministero del Lavoro sancisce  i criteri generali di sicurezza relativi alle procedure di revisione, integrazione e apposizione della segnaletica stradale destinata alle attività lavorative che si svolgono in presenza di traffico veicolare. Il DIM 22/01/2019 abroga il precedente decreto in materia (DIM del 4 marzo 2013) ed entra in vigore decorsi trenta giorni dalla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale (avvenuta il 13/2/2019). I destinatari dei corsi I corsi sono diretti a lavoratori e preposti addetti alle attività di revisione, integrazione e apposizione della segnaletica stradale destinata alle attività lavorative che si svolgano in presenza di traffico veicolare. Percorso formativo… Continua a leggere »

Sanzioni in caso di mancata informazione e formazione

Con riferimento alla Legge di Bilancio 2019 sulle novità in materia di sicurezza sul lavoro si da seguito all’incremento degli importi sanzionatori relativi alle violazioni che più di altri incidono sulla tutela degli interessi e della dignità dei lavoratori. “Le maggiorazioni sono raddoppiate ove, nei tre anni precedenti il datore di lavoro sia stato destinatario di sanzioni amministrative o penali per i medesimi illeciti” ovvero che la sanzione maggiorata interesserà la reiterazione del medesimo illecito, ovvero una violazione del precetto già trasgredito e, destinatario della sanzione, sarà il soggetto che nella stessa impresa in precedenza sarà stato “trasgressore” in violazioni… Continua a leggere »

Si può essere licenziati in caso di assenza ingiustificata al corso di formazione sulla sicurezza

Una sentenza di questo mese ha dichiarato legittimo il licenziamento di un lavoratore che non ha partecipato alla formazione obbligatoria prevista dall’Accordo Stato-Regioni, per violazione degli obblighi di correttezza e buona fede.   Secondo il Testo Unico 81/08, il datore di lavoro deve assicurarsi “che ciascun lavoratore riceva una formazione sufficiente ed adeguata in materia di salute e sicurezza”. D’altro canto il lavoratore ha l’obbligo di “prendersi cura della propria salute e sicurezza e di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro, su cui ricadono gli effetti delle sue azioni o omissioni, conformemente alla sua formazione, alle istruzioni e… Continua a leggere »

Contributi a fondo perduto per formazione: a chi servono?

Dal 19 Ottobre uscirà il nuovo Contributo Aggiuntivo per le PMI, che ti permette di aggiornare e formare i tuoi collaboratori, con più piani formativi, tramite un “gettone” extra rispetto al fondo accantonato. Sono anni che noi di Reform organizziamo piani formativi finanziati su misura per i nostri clienti, garantendo una formazione continua sia in ambito sicurezza sul lavoro che di organizzazione aziendale. Ecco perché ci teniamo ad aggiornarti. Se la tua azienda ha determinati requisiti, dei quali ti scrivo qualche riga più giù, non può assolutamente perdere questo stanziamento a fondo perduto. Potresti approfittarne per formare i tuoi collaboratori… Continua a leggere »

RLS: chi sono, quanti sono, i doveri e la formazione

RLS: domande e risposte

CHI E’ IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS)? Il Testo Unico dice che l’RLS è la “persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per quanto concerne gli aspetti della salute e della sicurezza durante il lavoro”. Nelle aziende con meno di 15 dipendenti, l’RLS è eletto direttamente dai lavoratori. Tutti i lavoratori possono ambire a coprire questa carica, ad eccezione degli apprendisti o lavoratori a termine. Il datore di lavoro è obbligato a comunicare le generalità del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza sia all’INAIL, sia al resto dei dipendenti. La carica ha una durata di tre… Continua a leggere »

Formazione Finanziata e Fondi Interprofessionali: occhio alle bufale!

A cura di Fabio Fiandri Quanto è importante fare Formazione? Moltissimo. Oggi più di ieri. Perché? Perché il mondo del lavoro è cambiato, sta cambiando e cambierà ancora e preoccuparsi di far sì che i propri dipendenti e collaboratori stiano al passo, è qualcosa a cui ogni azienda dovrebbe pensare. La complessa congiuntura economica che stiamo vivendo – quella che un po’ semplicisticamente chiamiamo crisi – è di fatto un’epoca di cambiamento: densa di difficoltà, ma anche ricca di opportunità. Volendo vedere le cose in una prospettiva diversa dal solito, è a questo che serve la Formazione: non semplicemente a… Continua a leggere »

Formazione in caso di trasferimento e/o cambio mansione

Il comma 4 dell’art. 37 del D.lgs. 81/08 prevede un obbligo formativo in caso: “a) della costituzione del rapporto di lavoro o dell’inizio dell’utilizzazione qualora si tratti di somministrazione di lavoro; b) del trasferimento o cambiamento di mansioni; c) della introduzione di nuove attrezzature di lavoro o di nuove tecnologie, di nuove sostanze e preparati pericolosi.”  Se quindi il lavoratore viene destinato a mansioni diverse da quelle precedenti, dovrà essere formato sui rischi specifici della nuova attività lavorativa. Nel caso in cui il lavoratore venga destinato alla medesima mansione, l’aggiornamento formativo verterà sulle differenze sostanziali della nuova postazione di lavoro… Continua a leggere »

Formazione lavoratori: significato e sanzioni

Formazione lavoratori. Tra significato, obblighi, attese e sanzioni. Uno dei principali obiettivi del “TUSL” è l’implementazione di un sistema costituito da un complesso di diritti, doveri e obblighi imposti a tutti i soggetti debitori e creditori di sicurezza e di salute: le norme muovono verso l’esigenza di rendere i singoli protagonisti attivi del sistema ai  fini di prevenzione degli infortuni e di igiene del lavoro in azienda. Informazione e formazione professionale dei lavoratori sono effettivi pilastri del percorso di implementazione di un sistema per la prevenzione e sono considerate dal TUSL misure generali di tutela della salute e della sicurezza… Continua a leggere »